07 Feb 2018

si parla sempre più del punteruolo rosso delle palme, conosciamolo meglio!

sta diventando una piaga per la nostra penisola ma si sa ancora poco del punteruolo rosso delle palme

Questo mese parleremo del punteruolo rosso della palma, un infestante da poco presente sulla nostra penisola ma che, a causa delle caratteristiche, si sta diffondendo molto rapidamente con conseguenti danni gravi.
Il punteruolo rosso della palma, Rhynchophorus ferrugineus (Olivier), è un coleottero curculionide originario dell’Asia meridionale e della Melanesia e risulta molto dannoso alle piante di palma.
Sono segnalati gravi danni nei palmeti da dattero egiziani e della penisola arabica.
Nel 1994 l’insetto è comparso per la prima volta in Europa e precisamente in Spagna. Dal 2005 è segnalato anche in Italia in diverse regioni: Toscana, Sicilia, Campania, Lazio, Puglia.

Ciclo di vita del punteruolo rosso della palma

punteruolo rosso della palma

L’insetto vive all’interno della palma, dove compie tutto il suo ciclo vitale. A maturità la femmina della specie sfarfalla e va a deporre le proprie uova (circa 300) in piccole cavità del tronco o in corrispondenza delle superfici di taglio delle foglie.
Dopo 2-5 giorni dalla ovideposizione nascono le larve che si introducono nella palma e si cibano dei tessuti della stessa. Le larve si spostano all’interno della pianta scavando tunnel e larghe cavità che diventano il luogo ideale per lo sviluppo dell’insetto.
Le larve attive si possono rinvenire in qualsiasi parte della palma fino al colletto.
Il periodo di sviluppo larvale varia, secondo la stagione, da 1 a 3 mesi.
A maturità le larve si “impupano” in un contenitore cilindrico formato da strati fibrosi (pupario); generalmente questa fase avviene nelle parti più esterne del fusto e del rachide. Dopo 20-30 giorni l’adulto (lungo circa 3-4 cm) è sviluppato ma rimane all’interno della palma anche per diversi giorni prima di abbandonare la pianta ospite e infestare nuove piante.
L’intero ciclo dura circa 4 mesi e nella stessa pianta si sovrappongono più generazioni dell’insetto fino a distruzione della pianta ospite.

Sintomi e danni

I danni causati dalle larve sono visibili solo in una fase avanzata dell’infestazione. I sintomi esteriori dell’attacco del curculionide sono rappresentati dall’anomalo portamento della chioma che perde la sua simmetria verticale e che successivamente si mostra completamente divaricata con l’aspetto ad ombrello aperto. Nelle fasi terminali la palma appare come “capitozzata” della chioma e si evidenzia il suo “collasso”: a quel punto si manifesta la migrazione di massa degli insetti che erano presenti all’interno dello stipite (gli adulti sono in grado di volare anche per distanze di 1 Km) per la ricerca di un nuovo esemplare di palma del quale alimentarsi.

punteruolorossopalma

Settimana prossima capiremo cosa si può fare se una palma è stata attaccata dal punteruolo.

[Voti: 7    Media Voto: 4.7/5]